Una seconda chance


Cuore_vetro.jpg
con il treno verso la felicità

A 32 anni Enrico è veramente disperato. È divorziato e ha perso tutti i suoi soldi in un casinò. Si sente solo e vuole suicidarsi, ma poi ha preso paura ed ha deciso di andare in un club per ubriacarsi. Già all'entrata nota che c'è tanta gente che balla, parla e si diverte. Siccome è già alcolizzato decide di sedersi al bar.
Dopo un pò arriva una giovane ragazza che aveva notato già prima per la sua bellezza straordinaria.
- Cosa desideri?
- Portami un cognac.
- Viene subito!, gli risponde lei con un sorriso.
Mentre sta bevendo, si accorge della cameriera che sta ballando sul palcoscenico. Si muove in modo molto erotico. Enrico ne è affascinato ed è solo adesso che nota l'aspetto slavico della donna. Vedendola, si rende conto che vale la pena di essere vivo e va a casa per rimettersi dalla sbornia.
Il primo pensiero che ha quando si sveglia la mattina è la ragazza dell’altra sera. E l’unica cosa di cui si ricorda e per questo decide di ritornare al bar per rivederla.
Per il fatto che il bar apre solo la sera, Enrico va in città per cercare un regalino per il suo amore. Va a comprare un dessous perché non sa cosa piaccia alla donna.
Dopo aversi preparato gli viene in mente che non sa più dove si trova il bar. Decide di camminare a caso e per calmarsi fuma una sigaretta. Quando tira fuori l’accendino cade un piccolo bigliettino. Incuriosito Enrico raccoglie il fogliettino vede che è lo scontrino dell’altra sera dove c’è scritto anche l’indirizzo del bar.
Mezz’ora più tardi entra nel club e si siede vicino al bar. Si guarda attorno alla ricerca di lei per qualche minuto ma ovviamente non c’è stasera. Il timido Enrico non osa chiedere alle altre donne se sanno qualcosa della cameriera e perciò se ne va a casa.
L’amante non riesce a dormire e pensa alla donna senza pausa. Si prefigge di non perdersi d’animo come l’ha fatto sempre fino adesso. Sa che vale la pena di lottare per lei.
Una settimana dopo entra di nuovo nel bar e riconosce subito la donna dei suoi sogni. Si siede vicino al palcoscenico ed aspetta lo show.
Enrico vuole essere sicuro che nessun’altro gli soffi il suo tesoro. Le dà i soldi per andare nella stanza attigua.
Ma Enrico che è davvero innamorato della ragazza non vuole fare l’amore con lei. Le confessa che non può più pensare ad altro che a lei e che si è innamorato di lei. Carmen arrossisce per la vergogna e risponde che è la più bella cosa che abbia mai sentito. Ma sfortunatamente è già sposata con il proprietario del club.
Enrico non ci ha mai pensato prima ed esce dalla stanza. Per la sua delusione non vede più una via d’uscita e si siede al bar per ordinare qualche drink. Enrico non riesce a smettere e beve finché perde coscienza.
Quando Enrico riapre i suoi occhi prende paura per quello che vede. La stanza in cui si trova è molto chiara ed accanto a lui c’è un’altro uomo seduto sul letto. Entra un’infermiera bionda che vuole sapere come si sente. Gli racconta che una ragazza giovane con suo marito l’hanno portato all’ospedale la sera prima. Enrico non riesce a capire e domanda cosa gli è successo. L’impiegata gli racconta tutta la storia. Ancora esausto dalla fatica si riaddormenta.
Qualche giorno dopo bussa alla porta della stanza ed entra Carmen.
„Ciao bello, come stai?“
„Da quando ti vedo mi sento già un po’ meglio. Sono contento di vederti. Ma dimmi, cosa ci fai qui?“
„Devo spiegarti qualcosa...“
„Sì, sto ascoldando.“
„Come ti avevo già detto, sono sposata con il capo del club. Ma devo dirti che non l’ho fatto per amore. L’unica ragione per cui l’ho fatto è che non ho il passaporto italiano. Grazie al matrimonio mi è permesso rimanere in Italia. Poi Luigi, mio marito, mi tratta male e non sono felice.“
...